Avere un conto vincente e duraturo sui book sembra diventato impossibile

Rispondi
RedBlackRed
Vincita $0.05
Messaggi: 1
Iscritto il: 10 ago 2022, 13:29

Buongiorno. Da ciò che si legge in giro, anche in questo forum, sto notando che negli ultimi periodi i bookmakers più importanti (SNAI in primis), appellandosi all'articolo 14, stanno sospendendo tutti gli account creati anni fa da persone appartenenti allo stesso nucleo familiare (marito e moglie, genitore e figlio, fratello e sorella) o che hanno in comune lo stesso indirizzo IP.
Ora sembra che non sia più possibile che due persone appartenenti alla stessa famiglia o residenti nella stessa casa possano avere due conti su uno stesso bookmaker. Secondo voi a cosa è dovuta questa strategia? Ormai tra questa politica, la limitazione dei conti di coloro che usano fruttuosamente i bonus e la sospensione dei conti di chi gioca e vince con metodo, sembra sempre più complicato avere un'entrata cospicua dal mondo scommesse, casinò e slot senza incorrere nella limitazione del conto. Cosa ne pensate?
Starcasino

2000€ cashback

Snai

100% fino a 1.000€

Pokerstars

500 free spins

Avatar utente
LucaAdmin
Admin
Messaggi: 1151
Iscritto il: 19 set 2009, 15:01
Località: Milano

Ciao RedBlackRed, eh si è da molto tempo che gli operatori limitano account della stessa famiglia e con gli stessi indirizzi ip.
Le ragioni credo siano molteplici.

Sicuramente per i bonus come hai detto te, considerano un bonus per una sola persona dello stesso nucleo famigliare, ma credo che la cosa sia nata anni fa a seguito di molte truffe (soprattutto nel comparto poker online) e utilizzo di nominativi famigliari con uso di risorse improprie.

Detto più semplicemente, molte persone che giocavano e perdevano tutto o si autoescludevano, aprivano altri account con nomi dei famigliari quindi usavano altri nominativi impropriamente, utilizzando risorse altru impropriamente. Da questo si intendono anche i minori che non potendosi iscrivere usavano le identità di genitori e fratelli o sorelle, sfruttando più volte il bonus e giocando anche se minorenni.
Per cui diciamo sia ragioni economiche (bonus) sia ragioni di tutela di minorenni e prevenzione di truffe
Rispondi